La politica monetaria da sola non è sufficiente per rilanciare l’economia. Almeno in Italia. E’ quanto dice Antonio Patuelli (in foto), presidente dell’Abi (Associazione Bancaria Italiana) in un’intervista al quotidiano La Stampa. Gli elementi di preoccupazione riguardano, a suo dire, “nel calo del 3 per cento della produzione industriale, nelle difficoltà da parte delle Pmi a rispettare i tempi di pagamento e nella risalita delle sofferenze bancarie, che a febbraio di quest’anno hanno raggiunto il miliardo di euro”. E’ l’effetto del continuo rialzo dei tassi d’interesse operato dalla Banca Centrale Europea. “Piccole aziende e famiglie – spiega Patuelli – non pensavano che i tassi potessero salire così in fretta. Il problema più grande però è che vedremo gli effetti di questa crisi tra 12-18 mesi”. Sulla polemica relativa ai cosiddetti extraprofitti delle banche taglia corto. “Non ne abbiamo traccia. E poi se vogliamo parlare di questo argomento dovremmo anche dire delle perdite colossali che gli istituti di credito hanno subito negli anni dei tassi zero”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *