E’ corsa ai sussidi senza investimenti. Ne è convinto Nando Santonastaso, che sul tema propone un commento sul Mattino (20 settembre 2018, pagina 40). “Se il nocciolo della manovra in chiave Sud – afferma tra l’altro – rimane l’attuazione intera o parziale del Reddito di cittadinanza, difeso a spada tratta dal Movimento 5 Stelle, se ne dovrebbe dedurre che la montagna (ammesso che la si possa definire così) partorirà un topolino”. Insomma il giornalista dà voce ai tanti analisti ed economisti “non schierati) i quali sostengono che “il solo eventuale ricorso a norme assistenzialistiche non solo può mettere a rischio i conti pubblici ma anche rivelarsi inefficace sul piano strettamente economico”.

Il punto considerato nevralgico arriva poco dopo. E cioè la possibilità che “la manovra non indicherà nel rilancio degli investimenti pubblici la vera e forse unica priorità per il rilancio del Mezzogiorno”. E quindi afferma: “… pensare, a prescindere persino dal divario, che il Mezzogiorno possa avere soddisfacenti margini di competitività e attrattività economica senza il pieno, convinto e costante coinvolgimento del capitale pubblico è pura follia”.

Non si riduce il divario, insomma, se per il Sud “la partita continua a ruotare sempre e soltanto attorno al Reddito di cittadinanza”. Senza investimenti certi e costanti i posti di lavoro, privi di un contesto economicamente valido in termini di crescita, saranno sempre meno di quelli che occorrerebbero. E tutto ciò “al netto della accelerazione della spinta autonomistica cavalcata dalle Regioni del Nord…”. Che certo non fa che complicare lo scenario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *