Il futuro del clima è legato a doppio filo all’approvvigionamento energetico. E’ quanto sostiene il presidente della Fondazione Matching Emergies, Marco Zigon (in foto), in un’intervista al Quotidiano Nazionale pubblicata il 13 settembre. “Una maggiore produzione di energia da fonti rinnovabili e l’accantonamento delle fonti fossili sono la migliore risposta che possiamo dare ai cambiamenti climatici. Per ottenere questa transizione, però, abbiamo bisogno di investimenti e infrastrutture”, spiega l’ingegnere napoletano. Zigon assegna un ruolo determinante alla mobilità elettrica “soprattutto nei grandi centri urbani quando sarà sempre più urgente l’esigenza di eliminare i combustibili di origine fossile”. Infine il Sud “che avrà un futuro determinante nell’ambito delle reti elettriche transnazionali”.

LEGGI L’INTERVISTA COMPLETA

Condividi su