Fino al 30 giugno 2023 è possibile presentare la dpmanda per “Hard-To-Abate”, il nuovo incentivo che sostiene progetti di investimento e di ricerca e sviluppo per la decarbonizzazione dei processi industriali. Il tutto attraverso l’utilizzo di idrogeno a basse emissioni di carbonio, nei settori più inquinanti e difficili da riconvertire e che utilizzano i combustibili fossili come fonte di energia (cemento, cartiere, ceramica, industrie del vetro). L’incentivo è promosso dal ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ed è gestito da Invitalia. La dotazione finanziaria ammonta a 1 miliardo di euro, a valere sulle risorse messe a disposizione dalla Missione 2, Componente 2 del Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) per l’attuazione dell’Investimen to 3.2 sull’ “Utilizzo dell’idrogeno in settori hard-to-abate”. C’è da ritenere che saranno numerose che realtà che aderiranno. L’incentivo è infatti rivolto alle imprese di qualsiasi dimensione che operano in settori hard to abate e agli organismi di ricerca. Ogni progetto deve prevedere costi e spese ammissibili non inferiori a 500 mila euro. La domanda di agevolazioni può essere presentata anche in forma congiunta (tramite contratto di rete o altre forme contrattuali di collaborazione), fino ad un massimo di 5 soggetti.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *