EDICOLA MEZZOGIORNO / IL SUD CRESCE MA NON SI VEDE – Il commento di Alessio Postiglione (Repubblica)

HomeMef MagazineEDICOLA MEZZOGIORNO / IL SUD CRESCE MA NON SI VEDE – Il commento di Alessio Postiglione (Repubblica)


Il Mezzogiorno? Cresce ma non si vede. E’ questa la tesi da cui parte Alessio Postiglione per un commento su Repubblica Napoli (8 febbraio 2018, pagina 1-10). Riflessione che poggia su diverse constatazioni. Il sud cresce in Pil e in presenza di start up innovative e in altri indicatori che testimoniano delle performance meridionali, Campania in testa. Una inversione di rotta rispetto a solo pochi anni fa.

A che cosa si deve questo risultato che, fino a qualche anno fa, sembrava impossibile da concepire? “E’ un trend – afferma il giornalista e docente della Luiss – che nasce dal ritorno delle politiche industriali, quando lo Stato interviene bene nell’economia e rappresenta un fattore non solo di redistribuzione, ma di crescita”.

Postiglione poi richiama i dati dei “Conti economici territoriali” pubblicato dall’Istat a dicembre 2017.

Vi si evince che la Campania ha registrato una crescita del 3,2 per cento rispetto all’anno scorso ed è primatista in Italia. Anche sul fronte occupazione, con un più 3,6 per cento, la nostra Regione centra la seconda miglior performance nazionale. “Si tratta – spiega – perfino di una occupazione pregiata, legata alla knowledge economy”.

Non basta. Secondo il rapporto “L’economia delle Regioni italiane” di I-Com, l’istituto per la competitività, nel Mezzogiorno dal 2013 al 2017 il numero di piccole imprese innovative è cresciuto a un tasso annuo dell’82 per cento, più della media nazionale. La Campania è una regione dove tantissimi giovani, invece di puntare su società para pubbliche di dubbia utilità, hanno avviato start up con il supporto di incubatoci d’impresa come Invitalia. I dati I-Com provano che al Sud è più alta la percentuale di start up giovani.

Tutti questi risultati sono stati possibili “grazie a un cambio di paradigma a livello macro e locale – spiega Postiglione – segno che la Regione sta spendendo bene i fondi strutturali… La Campania, infatti, spende più della media nazionale in ricerca e sviluppo, a riprova di come si punti a costruire occupazione qualificata”.

E aggiunge: “A livello nazionale, con la restituzione del ministro per il Mezzogiorno, ci siamo lasciati alle spalle la stagione del totale disimpegno verso il Sud, culminata con i governi Berlusconi e proseguita anche con la sinistra. Negli anni della Commissione Barroso e fin quando i Socialisti al Parlamento europeo non hanno strappato il piano di investimenti a Juncker, i mantra dell’austerità e la litania dei meridionali spreconi rendevano impossibile parlare di politiche industriali”. Oggi, dopo il Piano Juncker e grazie allo stesso Renzi, s’intravede una nuova stagione d’investimenti. “Pensiamo – conclude – al Masterplan per il Sud, con 90mila nuovi posti di lavoro, a Resto al Sud, lo strumento Invitalia per incentivare i giovani all’avvio di attività imprenditoriali da un miliardo e 250 milioni di euro, al Piano Export Sud II, grazie al quale la Campania posiziona all’estero le sue griffe e le eccellenze agroalimentari”.

Infine un richiamo anche alla scelta di aprire a Napoli la Apple Academy e l’arrivo della Cisco. Altro che Sud con la reputazione di malato incurabile…