Sul peso del Mezzogiorno nel Contratto del Governo per il cambiamento si è sviluppato un dibattito che, per ora, coinvolge i principali giornali del Sud, con qualche rara eccezione. Tanti economisti ed editorialisti, ma con una sola carica istituzionale – il presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella – pronto a lanciare un segnale di reazione”. E’ di domenica 20 maggio l’sos che Pittella ha inviato alle altre Regioni meridionali, per il tramite di Repubblica Napoli. “Il sud è escluso dal governo – sbotta il presidente lucano rivolgendosi ai governatori del Mezzogiorno – quindi è il momento di unirci”. Per fare che cosa? “Richiedere politiche specifiche e attenzione da parte dello Stato verso il Sud. E a una voce sola…”. Ossia decidere le azioni da intraprendere per un’azione comune. Nel Contratto di Governo – accusa Marcello Pittella – non c’è alcuna politica specifica per il Meridione, né alcun cenno a piani di sviluppo e ad investimenti infrastrutturali, relegando ai nostri territori un ruolo subalterno ed esclusivamente passivo. “Le nostre regioni – ricorda infine – hanno dimostrato di saper mettere in campo politiche in grado di per colmare il divario di sviluppo, ridurre le disuguaglianze Nord-Sud e concorrere alla coesione territoriale e istituzionale del Paese”.

(Fonte: La Repubblica – 20 Maggio 2018 – pagina 2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *