EDICOLA MEZZOGIORNO / ZES, SI PARTE – Maxi bonus e stop burocrazia per le imprese che investono nelle aree agevolate

HomeMef MagazineEDICOLA MEZZOGIORNO / ZES, SI PARTE – Maxi bonus e stop burocrazia per le imprese che investono nelle aree agevolate

Zone economiche speciali sulla linea di start. Lo conferma l’impegno del governo Conte volto ad accelerare i lavori finalizzati alla partenza delle Zes, aree geografiche circoscritte nell’ambito delle quali  si applica una legislazione economica differente rispetto a quella del resto del Paese. Con incentivi che possono arrivare fino a 50 milioni di credito d’imposta e strumenti di agevolazioni fiscali e finanziarie e semplificazioni amministrative.

Tra le prime a partire quella di Napoli e Salerno, che si avvale di incentivi fino a 50 milioni per chi fa investimenti nel territorio della Zes . L’annuncio lo ha dato domenica 16 settembre scorso, a Nola, il vicepremier Di Maio. E c’è una novità: pagheranno una penale le aziende che se vanno via dopo aver beneficiato degli incentivi.

“L’ultimo atto del governo – racconta Nello Fontanella nell’articoli del Mattino (pagine 1-3) – è la costituzione del comitato di indirizzo e della governance….”.  Dopo di che la Campania sarà la regione a vedere partire una zona economica speciale, quella di Napoli-Salerno. Non solo incentivi, ma sburocratizzazione e semplificazione delle procedure per l’avvio delle imprese. Così le Zes si tramutano in un grande strumento di marketing territoriale per far ripartire il Mezzogiorno e dare impulso alla competitività del sistema Paese.