Prima verifica dopo gli accordi di Parigi sul contrasto ai cambiamenti climatici (Cop 22). La ventiduesima sessione della Conferenza delle Parti si svolge in Marocco e serve a rendere più stringenti gli impegni. A Marrakech si stabiliscono – da lunedì 7 a venerdì 18 novembre 2016, le linee guida per stabilire le regole e le linee guida per far seguire i fatti alle parole.
Sono circa cento, infatti, i Paesi che hanno ratificato l’accordo parigino di circa un anno fa. L’obiettivo, come ricorda un articolo del Fatto Quotidiano dell’11 novembre, è limitare il riscaldamento climatico al di sotto dei 2° C e rimanere entro 1,5°. Comunque insufficienti e evitare, secondo gli esperti, un innalzamento della temperatura di 2,7°C.
Servono infatti accordi più incisivi e stringenti. Ma quel che conta adesso è trovare un modello economico e industriale condiviso e compatibile con una lotta efficace ai cambiamenti climatici ai quali si attribuiscono diversi effetti negativi, come le alluvioni più frequenti e devastanti.
Quel che è certo è che le emissioni di anidride carbonica vanno contenute con un traguardo preciso: arrivare a emissioni zero in prossimità della metà del secolo.

Condividi su