Per anni ci siamo detti che l’auto elettrica non avrebbe avuto futuro senza adeguata diffusione di paline e infrastrutture elettriche di ricarica. Ma oggi assistiamo per la prima volta a un rovesciamento di prospettiva, susseguente alla diffusione di una tecnologia d’avanguardia che ribalta le cose. Già perché si fa sempre più largo l’idea che sia l’auto elettrica a poter correre in soccorso della rete.
Ci dice tutto un articolo uscito il 28 giugno sul Messaggero. Il titolo? “L’auto illumina la casa”.
Qui si fa riferimento  alla Vehicle-to-Grid, la tecnologia di Nissan ed Enel che consente di scegliere il momento della ricarica (quando l’energia costa poco) e qual è il momento di restituire energia alla rete mediante la batteria.
Siamo a una nuova fase, quindi, della vita dell’automobile. La fase in cui ogni auto si può trasformare in qualcosa di molto prossimo a una batteria a 4 ruote.

VAI ALL’ARTICOLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *