Nel desiderio di allineare il settore industriale agli obiettivi ambientali, la Commissione Europea ha presentato ieri un atto legislativo, il Net-Zero Industry Act, con il quale intende promuovere la produzione di tecnologie pulite. Tra le misure, vi è una norma che contiene un accenno di protezionismo, aprendo la porta a limiti all’acquisto pubblico di mercé o tecnologia proveniente da un fornitore dominante (lo sguardo corre alla Cina nel solare e nelle batterie). “Abbiamo bisogno di un contesto normativo che ci permetta di accelerare la transizione verso l’energia pulita”, ha detto in un comunicato la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen (in foto). “La legge che presentìamo crea le migliori condizioni per quei settori che sono cruciali in vista del raggiungimento dei nostri obiettivi ambientali”. L’obiettivo è di dare all’Europa una propria politica industriale, campo rimasto finora nelle mani nazionali.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

Condividi su