Presentato  a Sorrento, in occasione del Forum “Verso Sud” realizzato da The European House Ambrosetti che coinvolge 19 paesi dell’area Euro-Mediterranea,  la seconda edizione del Libro Bianco che, a partire da un’analisi socioeconomica su 45 Paesi nel complesso, elabora indirizzi e proposte di sviluppo per rilanciare il Sud Italia nel più ampio quadro geopolitico Euro-Mediterraneo. Il rapporto prende in considerazione 24 indicatori su un orizzonte di 10 anni per un totale di oltre 15.600 dati censiti, sintetizzati nel Mediterranean Sustainable Development Index (Indice MSDI), un innovativo indice di monitoraggio, che quest’anno integra anche la selezione di indicatori relativi agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile definiti dalle Nazioni Unite (SDGs).  Nel complesso, i risultati emersi dall’analisi restituiscono l’immagine di un Sud Italia dalle grandi potenzialità che rappresenta attualmente la terza economia nel Mediterraneo Core (che include, oltre all’Italia, 22 Paesi dell’Unione Europea, dell’Area Balcanica, del Medio Oriente e del Nord Africa), con risultati superiori rispetto alle medie di riferimento indicate. L’analisi si concentra su 4 filiere strategiche, determinanti per la realizzazione di un Sud Italia che possa diventare baricentro del percorso di crescita e di cooperazione del Mediterraneo: L’Economia del Mare per la competitività, attrattività e crescita del Sud Italia e del Mediterraneo, il Settore Energetico e la doppia sfida della transizione sostenibile e della sicurezza degli approvvigionamenti, le Specializzazioni Produttive/Industriali nelle nuove catene globali del valore, il Settore Turistico come leva di sviluppo territoriale.

Condividi su