Il meridione ha ingranato la marcia, dopo lo scoppio della pandemia da Covid-19: su 474.000 nuovi lavoratori, tra il primo trimestre del 2019 e lo stesso periodo del 2023, 262.000 (il 55,3% del totale), risiedono al Sud. E, se il tasso di crescita dell’occupazione nel Mezzogiorno “è stato del 4,4%, più che doppio, rispetto al resto del Paese”, protagonisti della ripresa sono soprattutto giovani e ‘senior’. È quel che emerge dalla ricerca della Fondazione studi dei consulenti del lavoro (su elaborazione di dati Istat), che mette in risalto come l’impennata degli impieghi nell’area meridionale dopo la pandemia abbia riguardato il comparto edile prima (verosimilmente, in buona parte grazie agli incentivi fiscali per la ristrutturazione degli edifici), e il turismo nell’ultimo anno (quando, cioè, i contagi sono calati sensibilmente). La ‘parte del leone’, al Sud, l’ha fatta la Puglia, visto che dal primo trimestre del 2019 a quello dell’anno in corso si sono registrati 100.000 addetti in più, con “un aumento netto dell’8,6%”. A seguire c’è la Sicilia, “che ha visto salire la propria base occupazionale di circa 93.000 unità (+7,2%)”, e “anche la Calabria ha conosciuto un discreto miglioramento (+5%), mentre la Campania (+1,7%) non ha registrato significativi passi avanti”. In termini percentuali, recita il dossier dei professionisti, in Puglia l’ascesa va dal 44,6% del 2019 al 49,8% del 2023. Tra le regioni del Centro Nord, poi, si segnala l’Umbria, che vede aumentare l’occupazione del 5,3% e passare il tasso di forza lavoro attiva dal 63,2% al 67,8%, seguita dalla Liguria (+4,4%) e dal Friuli-Venezia Giulia (+4,3%).

Condividi su